Brand book

Brand book perché è importante averlo

Il brand book è uno strumento molto importante che serve a definire e ricordare le linee guida

per la comunicazione del brand utile per le agenzie che svilupperanno le creatività ma anche per i dipendenti dell’azienda come documento a cui riferirsi per definire lo stile di comunicazione da utilizzare e contribuire alla creazione della Brand Awareness.

L’utilizzo in modo coerente e uniforme (non uguale) del logo, payoff, font, colori e “tono di voce”, renderà il vostro brand immediatamente riconoscibile nelle mente degli utenti; in questo modo l’identità del brand verrà sempre rispettata in ogni canale e materiale di comunicazione: blog, social media, email, newsletter, brochure ecc. Questo aspetto è importante perché consente di veicolare con maggior rapidità i messaggi  dei propri prodotti o servizi.

 

Quali contenti deve avere il Brand Book?

Non esiste una regola precisa su quali informazioni deve contenere, però va da se che se serve a definire e far ricordare il brand dovrà prevedere una parte “corporate” dove verrà dichiarata la Brand Promise, cioè cosa il brand vuole essere /risolvere, e la Mission ovvero come intende realizzarlo in modo da “allineare” tutti i fruitori del documento agli stessi intenti.

 

Google
Vision: “Fornire l’accesso alle informazioni del mondo con un click”
Mission: “Organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e utili”

 

Successivamente il logo, che non è il brand [N.d.A.], è la base di partenza per definire il resto dell’identità. È un elemento molto importante per il brand, definisce l’azienda, rendendola riconoscibile con un solo sguardo e far sì che i clienti si sentano identificati, per dare loro fiducia. Il brand book deve indicare gli usi corretti e non corretti del logo, le applicazioni che deve avere o le dimensioni minime che può avere.

Poi ci sono i colori del brand. Quest’altro aspetto, insieme al logo, è il segno distintivo del tuo brand. La scelta di una buona palette di colori dove verranno indicate le conversioni nei diversi metodi colore (RGB, CMKY, esadecimale ecc) per permette di gestire il brand in digitale e in stampa.

 

 

Brand Book Esempio Logo Versione

 Brand Book Esempio Logo Colori

 

Successivamente possiamo trovare la parte inerente alle specifiche del logo dove sarà illustrato la dimensione minima che potrà avere, la relazione che deve avere con i loghi di altre aziende o con quelli delle proprie business unit;

Un altro aspetto importante ma talune volte sottovalutato e lo “spazio di rispetto” cioè quell’area attorno al logo in cui nessun altro elemento deve esserci per non soffocarlo.
Poi sarà la volta dei font utilizzati per il logo, i titoli e il corpo del testo. Specificate le dimensioni e gli usi dei caratteri sui diversi media. Infine è la volta del Payoff. Questa frase, breve e diretta, esprime la vocazione del brand e bisogna specificare dove e come deve essere usata.

 

Brand Book Esempio Logo Contrasto

 

Questi sono gli elementi base che costituiscono il brand book ma non sono sufficienti a dare un contributo forte alla Brand Awareness.

Siccome le linee guida del brand sono un documento che deve essere aggiornato periodicamente in base ai nuovi obiettivi da raggiungere, in un progetto di brand identity solitamente viene fornito un brand book “preliminare” che contiene le informazioni base che abbiamo elencato per incominciare a informare il proprio personale e i fornitori più stretti. Successivamente, il documento dovrà essere integrato con altre informazioni come ad esempio le linee guida sulla comunicazione come la lingua da utilizzare per i claim, tono di voce (serio/ironico, distante/amichevole), le regole di formattazione del testo.

Tutti i contenuti devono essere scritti in base allo stesso stile. Questo è il motivo per cui i brand books sono nati per stabilire uno stile coerente di scrittura, garantendo che parole, strutture di frasi o grammatica e punteggiatura siano usate allo stesso modo da ogni content creators.

 

 Brand Book Esempio Stile Foto 1

Brand Book Esempio Stile Foto 2

 

Poi è la volta delle immagini, che in base a quanto definito dalla strategie di comunicazione  possono essere fotografie o illustrazioni / infografiche, oppure entrambe. Per le fotografie bisogna definire se riprendere solo il prodotto, oppure ricreare una situazione mentre viene usato, oppure una situazione dove si intuisce che il soggetto sta beneficiando /utilizzando il prodotto - servizio.
Inoltre bisogna definire se fotografare tutto il prodotto o un particolare,  in che modo e infine quale trattamento dovrà avere la nostra foto alla fine?

 

Prenota la tua consulenza

Gratuita